martedì 9 luglio 2013

Studenti casi umani

A volte arrivano anche loro, che possiamo farci.
Normalmente li amo tutti e riesco a costruire rapporti bellissimi. Ma certe volte proprio non ce la faccio.
A metà maggio un conoscente mi chiede se sono disponibile a fare lezioni di italiano a un ragazzo cinese mio coetaneo, livello alto (B1). Ok, incontro M. e fissiamo per giugno. Accetto il prezzo da lui proposto e dopo due ore suona il telefono.

- Eeeeh pronto sono l'amico italiano di Marco, il ragazzo mi ha detto che lei gli insegnerà italiano?
(Premetto che queste chiamate da parte degli "amici di" mi fanno abbastanza imbestialire)
- Sì, esatto
- E che aveva intenzione di fare?
- Mah guardi ne abbiamo già parlato oggi. Lavoriamo sulla lingua in base alle sue richieste, mi ha chiesto di concentrarsi sulla lingua scritta perché vuole fare la maturità, anche se mi ha detto che è già in possesso della maturità in Cina, quindi potrebbe semplicemente iscriversi all'università sostenendo l'esame B2.
- Ah bene io lo seguo il ragazzo quindi mi dirà tutto. Ma il prezzo non è possibile ridurlo?
- Come?
- Sì, sai lui non lavora...
- Sì, lo so, ma le lezioni private purtroppo hanno un costo, e tra l'altro ho accettato la sua proposta.
- Ah vabbè ciao vai.

Ecco, io avevo già visto lungo.
Le lezioni con M. sono state un continuo interrogatorio.
Perché il congiuntivo? Perché il condizionale? Voglio fare i pronomi diretti. Ma perché qui non c'è l'imperfetto? Alt! Ho abbastanza esperienza per saperti guidare, caro M. Non puoi acquisire il congiuntivo prima di aver acquisito l'indicativo. Non ha senso venire due ore da me se poi i compiti te li fai fare dalla moglie del tuo amico. 

Insomma avevo pronosticato tempo massimo 3 settimane e infatti M. è sparito.
Ma ecco la parte incredibile.
Oggi gli scrivo per ricordargli che ha il dizionario cinese/italiano qui da me.

"Ciao M., come stai? Ho ancora il tuo dizionario! Fammi sapere quando posso restituirtelo. A presto!"
La risposta:
"un giorno verro da te per pigliarlo."

Ecco, ci starebbe un bel MA VAFFANCULO. Però sono per la non violenza e ispiro-respiro-penso ai miei studenti gentili e mi rimetto a tradurre.

P.S. Ho avuto anche lo studente che mi riteneva inferiore perché donna, ebbene sì. E anche gli studenti razzisti (italiani e non). Ma combatto con tutti, non temete!

4 commenti:

  1. hai vinto un dizionario italiano-cinese almeno!che magari ti potrà tornare utile con un futuro studente serio e determinato ad imparare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì ma io ci rimango male in questi casi! :(

      Elimina
  2. Mary, inutile, ci si rimane sempre male anche se si insegna da anni, io cerco di non pensarci più di tanto quando succede e concentrarmi solo su ricordi positivi ... Non ti puoi immaginare che casi clinici ho ora a luglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della solidarietà! Dai scrivici un post che mi fanno tanto ridere i tuoi studenti! :)

      Elimina